Pubblicato in: Fan Art Day, My Potter Corner, Rubrica

My Potter Corner – Fan Art Day #3

Buonasera a tutti, potteriani. Chi ha voglia di vedere una nuova fan art?

Continua a leggere “My Potter Corner – Fan Art Day #3”

Annunci

Happy Birthday Gai Maito!

NOME: Gai Maito

DATA DI NASCITA: 01 Gennaio

SEGNO ZODIACALE: Capricorno

COMPARE IN:

Libri –  (Libri collaterali di Naruto ispirati ai film)

Film –  (Film relativi al mondo di Naruto e Boruto)

Serie TV – 

Manga –  Naruto; Boruto

Anime –  Naruto; Naruto Shippuden; Boruto

 

CITAZIONE:

Sarà anche vero… Ma [le foglie d’autunno] non si limiteranno semplicemente a staccarsi e seccare! Esse diventeranno nutrimento per le nuove e giovani foglie… assicurandosi che le nuove foglie sboccino in una nuova primavera… questo è l’apice della primavera della giovinezza! Ossia quando brucia in un intenso rosso cremisi! (Naruto, cap. 668)

 

DICONO DI LUI:

Che chakra! È forte davvero! Come Taijutsu, tra tutti quelli contro cui ho combattuto, c’è stato un solo avversario al tuo stesso livello. (Madara Uchiha; Naruto, cap. 672)

 

℘ LIBRO: Matched (Ally Condie) ℘

Le mie parole hanno vita brevissima. Devo distruggerle prima che qualcuno le veda.
Eppure, io le ricordo tutte. Per qualche ragione, scriverle me le fa ricordare. Ogni parola che scrivo mi avvicina un po’ di più alla scoperta di quelle giuste. E quando rivedrò Ky, perché sono certa che accadrà, gli sussurrerò all’orecchio ciò che ho scritto, glielo dirò sulle labbra. E, da cenere e nulla, le parole si faranno carne e ossa.

(Matched, Cap 32; Saga di Matched. Ally Condie)

‘And when I see Ky again, which I know will happen, I will whisper the words I have written in his ear, against his lips’

 

℘ LIBRO: Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban (J.K. Rowling) ℘

I ragazzi ora guardavano il trasandato professor Lupin con un nuovo rispetto. Lui li guidò lungo un secondo corridoio e si fermò davanti alla porta della sala professori.
«Entrate, prego» disse il professor Lupin aprendola.
La sala, una stanza lunga, rivestita di legno, piena di vecchie sedie scompagnate, era vuota, tranne che per un insegnante. Il professor Piton era seduto in una poltrona bassa, e alzò lo sguardo mentre la classe entrava. Aveva gli occhi scintillanti e una smorfia antipatica sul viso. Mentre il professor Lupin entrava e chiudeva la porta alle sue spalle, Piton disse: «Lasciala aperta, Lupin. Preferisco non assistere».
Si alzò e si allontanò, con il manto nero che fluttuava alle sue spalle. Giunto sulla soglia, si voltò e disse: «Forse nessuno ti ha avvertito, Lupin, ma in questa classe c’è Neville Paciock. T i consiglio di non affidargli compiti troppo difficili. A meno che la signorina Granger non gli borbotti suggerimenti nell’orecchio».
Neville si fece paonazzo. Harry fissò Piton: era già abbastanza spiacevole che maltrattasse Neville durante le sue ore, figuriamoci davanti agli altri insegnanti.
Il professor Lupin inarcò le sopracciglia.
«Speravo che Neville mi assistesse nella prima fase dell’operazione» osservò, «e sono certo che lo farà egregiamente».
La faccia di Neville diventò se possibile ancora più scarlatta. Le labbra di Piton si arricciarono, ma il mago se ne andò sbattendo la porta.

(Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban, Cap 7; Saga di Harry Potter. J.K. Rowling)

‘I was hoping that Neville would assist me with the first stage of the operation and I am sure he will perform it admirably’

 

℘ LIBRO: La Principessa (Cassandra Clare) ℘

La porta si aprì con uno scricchiolio, e i due fidanzati si separarono di scatto, ansimando entrambi come se avessero fatto una corsa. Mentre fissava la soglia vuota, Tessa sentì il sangue rimbombarle forte nelle orecchie. Accanto a lei l’ansito di Jem si trasformò in uno scoppio di risa.
«Cosa…?»
«Church» disse Jem.
Tessa abbassò lo sguardo e scorse il gatto che, dopo aver aperto la porta con una spinta, gironzolava sul pavimento della sala della musica con un’aria molto soddisfatta. «Non ho mai visto un gatto tanto compiaciuto di sé» disse, mentre Church – ignorandola, come sempre – si avvicinava a passi felpati a Jem e gli dava dei colpetti con la testa.
«Quando ho detto che forse avremmo avuto bisogno di uno chaperon, non intendevo questo». Jem accarezzò la testa del gatto, sorridendo.

(La Principessa, Cap 8; Saga di The Infernal Devices. Cassandra Clare)

‘When I said we might need a chaperon, this wasn’t what I had in mind’